Multe salate in arrivo....

Multa

 Multe salate in arrivo per il corretto trasporto degli animali vivi!

Settimana di passione per le forze dell'ordine di strada lungo tutto lo Stivale per attenti controlli sul trasporto di animali vivi. Dall'indagine a tappeto è risultato che su 2mila autoveicoli controllati, sono state accertate ben 860 violazioni del Codice della Strada e della normativa di settore e le multe ammontano ad oltre 40mila euro!
Questo non è certo il modo giusto!

Settimana di passione per le forze dell'ordine di strada lungo tutto lo Stivale per attenti controlli sul trasporto di animali vivi. Dall'indagine a tappeto è risultato che su 2 mila autoveicoli controllati, sono state accertate ben 860 violazioni del Codice della Strada e della normativa di settore e le multe ammontano ad oltre 40 mila euro! Cosa non si farebbe per la tutela ed il benessere dei nostri cari animali domestici? Tante più cure allora andrebbero riservate a tutte quelle creature meno fortunate destinate ad esser ahiloro macellate. Esistono parametri precisi e regole chiare da rispettare nei trasferimenti e nell'ultima settimana una speciale "task-force" nazionale di Polizia Stradale e Carabinieri ha cercato di punire le colpevoli mancanze e di monitorare tutto il trasporto peninsulare degli animali vivi verso i macelli. Cosa buona e giusta dovrebbe essere evitare ed avversare in tutti i modi il maltrattamento degli animali e il loro trasporto in condizioni non idonee a tutela del benessere delle povere bestie nell'ultimo viaggio. Il potenziamento dei controlli sull'intera filiera del trasporto animali atto a garantire la sicurezza alimentare ed evitare spiacevoli episodi di maltrattamento degli animali, risponde a necessità e norme europee ancorchè nazionali. Dalle verifiche "a tappeto" sono risultati sono state accertate quasi mille violazioni relative alla normativa di settore con sanzioni pecuniarie comminate di oltre 40mila euro. Le linee guida valide per tutta Europa già dal 2005 erano chiarissime invitando i paesi membri ad aderire al più presto. L'Italia solo dal 5 gennaio 2007 ha recepito la direttiva con i precetti da rispettare per ridurre al minimo lo stress a cui sono sottoposti tutti gli animali, equiparati ad: "Esseri anch'essi dotati di sensi e particolare sensibilità". L'attività di contrasto delle tante irregolarità nel campo della sicurezza stradale e della tutela della salute degli animali destinati al macello, è acclarata non solo dal buon senso civico e dal nuovo Codice della Strada ma altresi dal protocollo d'intesa tra Ministero dell'Interno e della Salute datato 2011. "Siamo più umani anche nel difendere i diritti degli animali!".